Trovare collaboratori validi nell’era digitale

Quanto è importante trovare collaboratori validi in un’era come la nostra, dominata dal digitale? Cerchiamo di chiarirci le idee grazie al supporto di un articolo pubblicato su hrexchangenetwork.com. Buona lettura!

Trovare dei talenti da assumere nella propria azienda è un processo che sta cambiando e, di conseguenza, anche gli HR manager devono stare al passo. Al contempo, i costi dedicati alla talent acquisition sono aumentati del 26%. Bisogna quindi ponderare bene le decisioni quando si decidere di assumere un nuovo elemento che entrerà nel team aziendale.

Ma cosa si deve capire, quando si valuta un candidato? Innanzitutto, considerare il fatto che lui possa sentirsi:

  • sopraffatto”. La quantità di informazioni che lo riguarda – e che è semplicissimo trovare sul web – lo costringe ad agire e mostrarsi in totale trasparenza. Ciò sovraccarica di tensione e di paura di sentirsi “giudicata” una persona che, probabilmente, può rivelarsi un ottimo elemento. Conclusione? Questa persona non si decide a mandare la propria candidatura per paura di deludere i selezionatori.
  • Ignorato. È diventato così semplice inviare la candidatura per una posizione lavorativa che, ormai, il numero di curriculum per una singola opportunità è davvero alto. I candidati devono attendere molto di più per avere una risposta (…ammesso che la ricevano).

 

Il risultato di queste considerazioni è il seguente: il 46% dei nuovi assunti afferma che, potesse tornare indietro, accetterebbe nuovamente l’offerta del suo attuale datore di lavoro. Il 38%, inoltre, si pente di aver abbandonato il lavoro entro 12 mesi dall’assunzione (il 7%,invece, non si ritiene pentito della decisione).

Qual è la chiave di lettura di questi dati per un professionista delle risorse umane? Come migliorarli?

  • Costruendo un dialogo coi candidati che crei valore. Inizia tutto dalla descrizione del lavoro: rispondere a dubbi e domande di chi è interessato aiuterà entrambe le parti.
  • Dando segnali e comunicando coi nuovi assunti. Dire loro cosa va, cosa non va, in cosa possono migliorare.
  • Guidando il lavoratore a prendere decisioni di cui non si pentiranno. Anche questo è compito di un bravo HR specialist: ascoltare, dare consigli oggettivi, essere una guida.

Cosa ne pensate di questo articolo? Fateci sapere la vostra opinione contattando il team Osm1816!
Se invece volete approfondire questa tematica e scoprire come trovare collaboratori validi per un team vincente, scaricate subito il nostro e-book gratuito!

Dai valore al tuo team - Free Ebook

Share Button

Articoli Correlati

Nessun Commento

Lascia un commento