Bentornati sul blog di Osm1816! Oggi, a pochi giorni dal capodanno cinese, parliamo di Cina, di viaggi e di come stia tornando l’ottimismo tra i turisti cinesi e in Asia in generale – un buon segno per il futuro dell’economia e per il settore del turismo. Ti raccontiamo di più, supportati da un interessante articolo letto su chinatravelnews.com.

Il famoso portale di viaggi online Expedia ha condotto un interessante studio riguardante la fiducia che i turisti ripongono nel riprendere a viaggiare nel 2021. Tra le varie tematiche è emerso che i cittadini cinesi sono i più ottimisti, nonché i più propensi a partire e a dare una mano al settore turismo – anche se limitatamente all’interno del proprio paese. La maggior parte degli intervistati si è detta ben felice di partire nel corso di quest’anno, mentre i cittadini di altri paesi si sono dimostrati meno propensi (molto preoccupati i turisti giapponesi: solo il 37% partirebbe per un viaggio).

Un altro interessante aspetto riguarda l’oggetto delle ricerche nel mercato Asia-Pacifico: mentre in paesi come Giappone, Tailandia, Australia, India, Corea si preferiscono destinazioni vicine o comunque entro i confini del proprio paese, Singapore registra ricerche di mete internazionali. Ciò è probabilmente dovuto agli accordi che Singapore è riuscito a siglare con altri paesi. Nonostante questa differenza, i paesi asiatici citati manterranno questo trend per l’intero 2021: questa è un’ottima notizia per la ripresa del turismo, settore che ha sofferto perdite inestimabili a causa della pandemia da Coronavirus.

Ma cosa spinge i turisti dalla Cina (e non) ad essere fiduciosi nel voler partire per un viaggio? Senza dubbioi rimborsi sicuri, la flessibilità nelmodificare partenze e arrivi, ma anche la copertura delle spese sanitarie e l’assistenza medica. Per quanto riguarda le prime due richieste, è compito di chi si occupa di marketing accontentare i viaggiatori creando contenuti che sponsorizzino politiche di cancellazione certe. Temi come l’assistenza medica e la copertura delle spese sanitarie, invece, competono alle destinazioni d’arrivo dei turisti.

Tra tutte le risposte date al sondaggio, tuttavia, una risulta essere ricorrente: il turista si sentirebbe più al sicuro se i vaccini anti-Covid fossero disponibili più ampiamente possibile.

 

Tra i fattori decisionali che spingono il turista a partire, invece, si segnalano:

  • regolamentazioni sanitarie;
  • protocolli anti-Covid;
  • utilizzo della mascherina (specialmente per i turisti cinesi e giapponesi).

Uno dei fattori decisionali più influenti per i turisti riguarda le immagini e, in generale, la comunicazione che si fa di un luogo. Chi si occupa di marketing e creazione di contenuti per il turismo non dovrebbe solo cercare di stimolare le persone a partire, ma dovrebbe anche soffermarsi sulla condivisione di immagini che danno sicurezza al turista – ovvero scegliere foto e contenuti in cui si vedono crew di volo, personale di alberghi e/o ristoranti muniti di mascherina.

Cosa ne pensi di questo articolo? Per conoscere tutti i servizi che Osm1816 offre agli imprenditori italiani in Cina – e a quelli che sono interessati a sviluppare lì il loro nuovo business – clicca qui.

Tagged with: , , , , , ,